Torrefazione Brasil

13 giugno 2017 - Scrive: master - Categoria: Sponsor
La Torrefazione Brasil, nata nel 1976, é una azienda riconosciuta e stimata nel panorama nazionale nel settore della torrefazione e vendita del caffè. Caffè Dai caffè più pregiati la Torrefazione Brasil ha creato miscele di qualità superiore per tre linee di prodotto specifiche, che hanno in comune l’aroma e il gusto inconfondibile di Caffè Brasil.
Torrefazione
La tostatura è una delle fasi più delicate dell’intero ciclo di lavorazione del caffè. Per ottenere il massimo risultato dalle proprie selezioni di caffè la Torrefazione Brasil ha unito sapientemente tradizione e tecnologia nell’arte della torrefazione, adottando tutti i procedimenti naturali ed artigianali per la tostatura delle sue miscele.
Il grado di torrefazione caratterizza le diverse miscele: gli Arabica richiedono una tostatura più chiara per non alterare gli aromi delicati che li caratterizzano, mentre per i Robusta è indicata una tostatura leggermente più scura. Una buona conoscenza dei caffè verdi è dunque indispensabile perchè la tostatura risulti perfetta, pertanto viene effettuata singolarmente per tipologia di provenienza con processo di cottura ad aria calda e raffreddamento ad fredda per ottenere una tostatura delicata ed omogenea e fissare le sostanze aromatiche.
Raffreddati, i chicchi vengono imballati o , in alternativa, essi possono essere macinati e impacchettati in confezioni pronte per l’uso.
L’utilizzo di modernissime macchine per il confezionamento in cialde o capsule e l’imballaggio del caffè in speciali fogli di allumunio plastificato, evita che il caffè macinato perda parte del proprio aroma modo da mantenere integro il gusto, l’aroma e la conservazione del prodotto nel rispetto del D.L. 15/156/1997 concernenti l’H.A.C.C.P. (sistema di autocontrollo per l’igiene dei prodotti alimentari).
La qualità, il gusto unico ed inconfondibile, l’aroma intenso e corposo del Caffè Brasil sono oggi presenti nei bar, nei centri di ristorazione e supermercati
DEGUSTAZIONE
Chi ama il caffè non può che considerare il momento della degustazione un vero e proprio “Rito”, una pausa di piacere che coinvolge tutti i sensi…
Ecco come riconoscere, e soprattutto godersi un buon caffè:
La vista
Il colore della crema presenta tutte sfumature del nocciola che vanno dal giallo al marrone; assume importanza, per questa valutazione, la tazzina che deve essere internamente bianca; la consistenza della crema è liscia compatta; si può constatare se spargendo lo zucchero questo sprofonda lentamente. Il caffè deve essere bevuto entro 2 minuti dalla sua preparazione.
L’olfatto
Il caffè viene annusato avvicinando la tazzina al naso, senza agitare il contenuto e senza mescolarlo. Gli aspetti ottimali sono l’aroma forte, intenso, persistente; talvolta delicatamente fruttato o con note di cioccolato.
Il gusto
Il caffè si gusta a piccoli sorsi e si deglutisce con lentezza. La caratteristica amara deve essere netta e equilibrata; il gusto rotondo, morbido vellutato.
Il tatto
Il tepore della tazzina contribuisce decisamente all’esaltazione di tutte le sensazioni piacevoli di cui sopra…
Infine, dopo un primo sorso di caffè per le precedenti valutazioni, si pulisce la bocca con un abbondante sorso d’acqua, si prende un secondo sorso di caffè e lo si deglutisce tenendo la bocca leggermente aperta.

I commenti sono chiusi.